Banca Popolare di Sondrio Biblioteca Luigi Credaro

Catalogo di consultazione al pubblico

Lealtà

Natura: Monografia - Materiale testuale - Materiale a stampa
Descrizione: Lealtà / Letizia Pezzali. - Torino : Einaudi, © 2018. - 195 p. ; 22 cm. - (Einaudi stile libero. Big).
Sommario / Abstract Giulia è una ragazza milanese che frequenta Economia all’università. Un giorno s’innamora appassionatamente e in modo ossessivo di un manager bancario londinese, di vent’anni più anziano, venuto a Milano per tenere una conferenza. Nasce una relazione con alti e bassi, incontri clandestini, essendo l’uomo sposato con una figlia, uno scambio infinito di messaggini telefonici, liti e riappacificazioni. Una “storia” raccontata in ogni particolare da Giulia, così come le vicende della sua vita: la laurea, l’impiego a Londra in una banca, la morte della madre con la quale viveva dopo il decesso del padre in un infortunio stradale, i colleghi d’ufficio, le discussioni continue e caotiche sui mercati finanziari e la ricerca del sesso e dell’amore per dare un significato all’ esistenza. «Gli esseri umani amano pensare che le loro decisioni, corrette o no, riflettano una coerenza interna. Una personalità, una persona. Un significato. Non c’è nulla – pensa – che l’essere umano detesti più dell’assenza di significato. Eppure succede spesso di essere vuoti, e la fatica di tenere duro si accumula, la tensione ogni tanto lascia spazio al pianto e al gelo. In questo caso innamorarsi può essere utile».
Dopo il successo di “L’età lirica”, il suo primo romanzo, finalista al Premio Calvino, la giovane scrittrice Letizia Pezzali con “Lealtà” – i cui diritti di traduzione sono stati venduti in sette paesi prima ancora della sua uscita in libreria – dimostra di saper avvincere il lettore. L’Autrice ha certamente attinto dalla sua esperienza personale, avendo lavorato in una banca di Londra. Aderenti alla realtà sono le difficoltà del lavoro, impegnativo e controllato dai superiori, il profilo dei manager, validi solo in quanto procurano soldi, i loro complessi e le psicosi che si riflettono sulle relazioni personali, in una Londra dura e fredda. Narrate brillantemente sono anche le oscillazioni sentimentali vissute dalla protagonista e le perplessità sulle motivazioni del suo lavoro: «Io non so spiegare in nessun momento perché faccio quel che faccio. Non lo so davvero. Posso rispondere “i soldi”, la parola che contiene tutto o niente. Vorrei poter rispondere “la paura della morte”, una frase che di solito giustifica ogni cosa, ma qui non vale; nessuno lavora in finanza perché ha paura della morte, chi ha paura della morte va al mare».
Nel romanzo la Pezzali descrive l’insicurezza, l’inquietudine, la fragilità e i problemi degli uomini e delle donne d’affari, la difficoltà di amare, di inquadrare la propria personalità e le rinunce richieste a chi lavora in banca. Un libro la cui chiave di lettura può essere racchiusa nelle parole dell’appropriato esergo di Natalia Ginzburg scelto dalla scrittrice: «Ti auguro ogni bene possibile e spero che tu sia felice, ammesso che la felicità esista. Io non credo che esista, ma gli altri lo credono, e non è detto che non abbiano ragione gli altri». [pg, gennaio 2019]
Collezione: [Fa parte di] Einaudi stile libero. Big. - Einaudi [Vai al dettaglio]
Numeri: ISBN: 978-88-06-23261-0
Autore:
Pezzali, Letizia
Classificazione
[Classificazione Decimale Dewey] 853 - Narrativa italiana
Paese Italia
Lingua Italiano
Biblioteca Inventario Sezione Collocazione Note Stato Prenotazioni Azioni
Biblioteca Credaro 41181 ECO-800.PEZ - ECO.D.3053 In prestito fino al 07/03/2019 Nessuna Prenota
Allegati:
© 2007- - Diritti riservati - Banca Popolare di Sondrio