Banca Popolare di Sondrio Biblioteca Luigi Credaro

Catalogo di consultazione al pubblico

I nuovi poteri forti : Come Google Apple Facebook e Amazon pensano per noi

Natura: Monografia - Materiale testuale - Materiale a stampa
Descrizione: I nuovi poteri forti : Come Google Apple Facebook e Amazon pensano per noi / di Franklin Foer ; traduzione di Matteo Camporesi. - Milano : Longanesi, © 2018. - 296 p. ; 23 cm. - (Il cammeo ; 595).
Note: Tit. orig.: World without mind.
Sommario / Abstract Nel 1989, l’anno in cui il Muro di Berlino divenne un cumulo di macerie, nacque Internet nella sua forma moderna. Ben pochi, tuttavia, si rendono conto di come il web ci tolga la libertà, cancelli la nostra privacy e ci impedisca di pensare. I grandi monopoli tecnologici – Google, Apple, Facebook e Amazon – ci impediscono di prendere decisioni, ci condizionano e ci fanno fare, con i loro algoritmi, quello che desiderano. È il tema affrontato da Franklin Foer, direttore per anni di “New Republic”, una rivista intellettuale dell’élite statunitense, nel suo saggio “I nuovi poteri forti”, un libro giudicato dal “New York Times” e dal “Los Angeles Times” fra i migliori del 2018.
Cosa sostiene l’Autore? La sua tesi è che noi, in numero sempre crescente, ci affidiamo ad Amazon per gli acquisti, a Google per ogni tipo d’informazione, a Facebook per socializzare e a Apple per gli strumenti digitali, aziende che asseriscono di voler rendere migliore la nostra vita, mentre in realtà il loro scopo è quello di raggiungere enormi profitti, e attraverso i milioni di dati personali raccolti su noi utilizzatori di Internet riescono a conoscere i nostri desideri, ciò che consumiamo, dove abitiamo, a conoscere le nostre abitudini, il nostro stile di vita, i nostri gusti sessuali, cosa ci piace leggere e anche il nostro orientamento politico. In questo modo ci tolgono la libertà di decidere liberamente, orientando le nostre scelte, costringendoci inconsciamente a seguire i loro algoritmi, vale a dire i loro schemi, voluti per conseguire i propri fini di continuo sviluppo commerciale che ha, del resto, raggiunto cifre considerevoli.
Foer descrive con precisione la loro nascita e le procedure – non sempre legali (evasione delle tasse) – seguite da coloro definiti dall’acronimo GAFA (Google, Apple, Facebook, Amazon): la pubblicità subdola, l’efficace ruolo di lobby svolto in campo politico, la volontà di illuderci di essere felici per risolvere i nostri problemi quotidiani e di offrirci illimitate possibilità di scelta e di notizie. Del resto è innegabile che milioni di persone, in tutto il mondo, siedano per molte ore dinnanzi allo schermo del computer, basandosi su ciò che dice il web.
Come quindi reagire? Come opporsi alla volontà della rete che ormai influenza anche il giornalismo? Solo ritornando alla carta stampata, sostiene l’Autore, solo tornando a leggere libri nel silenzio della propria stanza si può ritrovare quella cultura che ci fa pensare con la nostra testa, ci libera dalla schiavitù dei nuovi poteri forti. Le società tecnologiche – scrive – aspirano a schematizzare le nostre vite e le nostre abitudini, ma i piaceri del web sono passeggeri e illusori e ciò che leggiamo, invece, ci matura, rimane nostro, consente di scoprire realtà autentiche. Difficile dargli torto, anche se sarebbe un errore dimenticare gli aspetti positivi di Internet. [pg, gennaio 2019]
Collezione: [Fa parte di] Il cammeo. - Longanesi ; 595 [Vai al dettaglio]
Numeri: ISBN: 978-88-304-5111-7
Autore:
Foer, Franklin
Camporesi, Matteo
Soggetto:
Internet - Diffusione - Aspetti socio-culturali
Comunità virtuali - Aspetti socio-culturali
Conoscenza
Innovazione tecnologica - Aspetti sociali
Classificazione
[Classificazione Decimale Dewey] 304 - Fattori influenzanti il comportamento sociale
Paese Italia
Lingua Italiano
Biblioteca Inventario Sezione Collocazione Note Stato Prenotazioni Azioni
Biblioteca Credaro 46345 304-FOE.NUO - ECO.D.3339 In prestito fino al 10/05/2019 1 Prenota
Allegati:
© 2007- - Diritti riservati - Banca Popolare di Sondrio