Banca Popolare di Sondrio Biblioteca Luigi Credaro

Catalogo di consultazione al pubblico
Il lavoro e la regola : La spiritualità benedettina alle radici dell'organizzazione perfetta

Il lavoro e la regola : La spiritualità benedettina alle radici dell'organizzazione perfetta

Natura: Monografia - Materiale testuale - Materiale a stampa
Descrizione: Il lavoro e la regola : La spiritualità benedettina alle radici dell'organizzazione perfetta / Massimo Folador ; prefazione di Padre Natale Brescianini. - Milano : Guerini Next, © 2018. - 189 p. ; 23 cm. - (Organizzazione).
Sommario / Abstract Può sembrare strano, ma la Regola – il profondo testo, risalente al 500, nel quale San Benedetto disciplinava la vita monastica – è tuttora, pur nella diversa e complessa società dei nostri giorni, una guida, una fonte d’ispirazione e riflessione anche per dirigere un’azienda. Una lezione di umanità e di pratica perfettamente adatte ai manager di oggi per lo svolgimento del loro lavoro. In che modo? Lo spiega Massimo Folador – socio e amministratore di Askesis, società che si occupa di consulenza e formazione per alcune delle più importanti realtà imprenditoriali italiane, docente di Business ethics presso l’Università Carlo Cattaneo e autore di numerosi scritti sul management – nel saggio “Il lavoro e la Regola. La spiritualità benedettina alle radici dell’Organizzazione perfetta”, un testo che si legge con crescente sorpresa in particolare per i non credenti, lontani dal mondo dei monasteri, un mondo da scoprire, avvolto com’è da un meraviglioso silenzio.
Quando si legge la Regola – scrive l’autore della prefazione Padre Natale Brescianini – si giunge al cuore dell’uomo e “vengono alla luce innumerevoli perle preziose, lampi di luce squarciano le tenebre della nostra mente e allora scatta la voglia di approfondire, il desiderio di non fermarsi… Un esempio è capire il valore della parola, non solamente quella di Dio, ma delle parole che riempiono la nostra vita quotidiana, che creano, ma possono anche ferire e distruggere, logore come spesso sono. Anche l’ascolto, inoltre, riveste la sua importanza, dal momento che, attraverso quanto gli altri dicono possiamo capire noi stessi. L’azienda richiede la capacità di ascoltare, ma ciò molte volte diviene difficile, sfuggente o avvengono fraintendimenti e confusione”. “Lavorare in un’azienda, oggi come ieri – scrive ancora l’Autore – ha sempre significato fare i conti con il concetto di responsabilità. Un concetto fondamentale nella vita di ogni uomo, sia che riguardi un manager d’azienda o un padre di famiglia». Spesso non ci rendiamo conto che si tratta di un traguardo della nostra crescita umana e professionale, assolutamente determinante e san Benedetto scriveva: “L’abate che è stato ordinato, abbia sempre presente quale incarico si è assunto e che dovrà rendere conto della sua amministrazione, sapendo che dovrà servire più che comandare”.
Nelle aziende oggi si manifesta, fortunatamente, una maggiore attenzione alle risorse umane, che si concretizza nel capire l’attitudine del dipendente come uomo - è scritto nella Regola - così come è basilare il concetto di obbedienza. In sostanza in un’impresa entrano persone e per gestirla e farla funzionare bene occorre comprendere il loro animo, le regole del cuore, proprio come avviene nei conventi benedettini. Il libro segnalato, dunque, insegna a scommettere sull’uomo, a credere nelle sue capacità. Un testo spirituale e pratico allo stesso tempo. [pg, febbraio 2021]
Collezione: [Fa parte di] Organizzazione. - Guerini Next [Vai al dettaglio]
Numeri: ISBN (13): 978-88-6250-065-4
Autore:
Folador, Massimo
Brescianini, Natale
Soggetto:
Aziende - Organizzazione
Benedettini - Regola - Applicazione nelle aziende
Classificazione
[Classificazione Decimale Dewey] 658.1 - Gestione generale. Organizzazione e finanza
Paese Italia
Lingua Italiano
Biblioteca Inventario Sezione Collocazione Note Stato Prenotazioni Azioni
Biblioteca Credaro 53140 658.1-FOL.LAV - ECO.D.3612 In prestito fino al 30/04/2021 Nessuna Prenota
Allegati:
© 2007- - Diritti riservati - Banca Popolare di Sondrio